Menu Content/Inhalt
Home arrow Tradizione religiosa
Tradizione religiosa E-mail

Un Santo e un commediografo collocano Sarsina sul sentiero della storia. Il Santo è il taumaturgo del venerato collare scaccia-demonio, S.Vicinio; il commediografo è quel Tito Maccio Plauto che ha gettato le basi della commediografia latina e moderna.

Del santo esorcista si sa che proveniva dalla Liguria e che resse la diocesi sarsinate per 27 anni e tre mesi, tra III e IV secolo. Dalle notizie che ci rimanda un anonimo agiografo del XII secolo sappiamo che giunse a Sarsina nel periodo della persecuzione di Diocleziano e fu chiamato al suo ruolo di presule da due angeli bianchi mentre viveva da eremita in preghiera sul monte Musella ora chiamato Monte di S.Vicinio, a 10 chilometri da Sarsina. Poesia e leggenda infiorano la biografia del primo vescovo che operò in vita numerosi miracoli riportati fino a noi dalla voce popolare e tracciati in didascalici dipinti oggi custoditi nella cattedrale sarsinate. Ma i prodigi che richiamano anche oggi folle di fedeli sono quelli relativi alla guarigione degli indemoniati.

Rimanendo sempre in tema religioso, molto interessante può essere visitare il Museo Diocesano d'Arte Sacra (Piazza Plauto - visitabile su prenotazione - tel 320-0156172).