Menu Content/Inhalt
Home arrow Calbano's borgo
Borgo di Calbano E-mail

Nonostante l'impietoso logorio dei secoli e le recenti deturpazioni degli uomini, il borgo di Calbano, chiuso a fortezza nel medioevo, sa offrire al visitatore immagini e sensazioni di tempi lontani.

Clicca per ingrandire!
Clicca per ingrandire!

In cima al colle, che invita all'espansione edilizia la Sarsina moderna, Calbano fu certamente per i Romani, come probabilmente lo era stato prima per gli Umbri, un'arce di sicura difesa. Lo attestano i blocchi di arenaria e i numerosi mattoni d'età romana, rosseggianti fra le grigie pietre della cinta muraria medioevale, ancora visibile in molti tratti.

Nel 1267 il vescovo Grazia vi tenne i "comizi generali" per deliberare sui diritti d'investitura e sui canoni enfiteutici. La Chiesa sarsinate, per concessione dell'imperatore Federico II, era venuta in possesso del castrum Calbane (antico dominio del vescovo di Ravenna) sin dal 1220, consegnandolo solo, ma per breve tempo, nel 1406 ai bellicosi Malatesta di Cesena.

Nel 1371 l'Anglico vi censì 12 "fuochi" e, più o meno, vi dimoravano le stesse famiglie nel 1733 allorché il novello vescovo Vendemini, proveniente da Ciola, sostò presso la residenza turrita del governatore Zambini.
Ora la muraglia rimasta del "maschio" continua a spiare Sarsina e gli escursionisti che risalgono la collina. Ma la seicentesca chiesa di Sant'Antonio, che s'addossa sul fianco, ne attenua l'ardore guerresco.
Vigilano, a nord-ovest, l'ingresso alla rocca due torri circolari che, mozzate ed avvilite ad usi diversi, si presentano tronco-coniche in basso e cilindriche in alto.
Dentro, le basse abitazioni s'allineano nel perimetro antico e si guardano dai gradini di pietra: ma l'intonaco s'affaccia qua e là minaccioso, nemico.

Ai piedi del promontorio su cui sorge Calbano è stata costruita l'Arena Plautina, teatro all'aperto di circa 1100 posti dove ogni anno si svolge la rassegna teatrale dedicata a Plauto.

Clicca per ingrandire!

La chiesetta di S.Antonio
Di origine seicentesca, collocata nel cuore del piccolissimo paese, è addossata alla muraglia del borgo. Viene aperta occasionalmente per rare funzioni religiose. Dal suo minuscolo sagrato si gode una vista a picco sulla vallata.

Clicca per ingrandire!
Clicca per ingrandire!